Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Caso Longo, i dubbi sugli spari. Due secondo gli investigatori, tre quelli dichiarati dagli aggressori

Inoltre gli spari esplosi dall’avvocato sembrava fossero stati indirizzati verso il soffitto. Tanto in alto però non sono finiti: una pallottola ha colpito il vetro del portone della residenza, le altre due il muro. Tutti e tre più o meno a mezzo metro d'altezza

I segni di due colpi che sarebbe sparati la notte del 30 settembre

La vicenda dell’aggressione al noto avvocato ed ex senatore Piero Longo, col passare dei giorni invece che chiarirsi fa emergere nuovi interrogativi rispetto alla dinamica dei fatti della notte del 30 settembre. Le indagini sono affidate alla squadra Mobile di Padova.

Quesiti

Una delle domande a cui gli inquirenti devono rispondere riguarda la questione degli spari. Inizialmente si era diffusa la notizia che gli spari esplosi dall’avvocato Longo fossero stati indirizzati verso il soffitto e che fossero due. Gli aggressori in sede di udienza di convalida hanno parlato di tre colpi esplosi dall’avvocato, come spari di avvertimento.

Fori

Tanto in alto però non sono finiti, perché una pallottola ha colpito il vetro del portone della residenza del legale le altre due sono finite sul muro, tutte e tre più o meno a mezzo metro di altezza. Sono ancora ben visibili nell’androne e sul portone dell’edificio. Un fatto che potrebbe spiegarsi con Longo che esplode i colpi mentre si trova a terra e i due lo colpiscono al volto. Di certo si tratta di una carta che verrà usata dalla difesa per alleggerire la posizione dei tre indagati, due dei quali arrestati. Sono accusati di rapina per aver sottratto l’arma all’avvocato e lesioni aggravate.

Movente

Il movente, stando a quanto ricostruito dagli investigatori, sarebbe da ricercare nella 31enne Rosanna Caudullo che non avrebbe accettato la chiusura dei rapporti da parte di Longo. La giovane donna avrebbe pertanto coinvolto i due amici Silvia Maran, 47 anni, e Luca Zanon, 49, che si sarebbero offerti di fare da mediatori per suo conto dall’avvocato. Per questo mercoledì 30 settembre i tre si sarebbero presentati a casa di Longo. Almeno questo è quello che hanno raccontato. Fino a ora.

portone Longo-2

Terzo Foro Longo-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Longo, i dubbi sugli spari. Due secondo gli investigatori, tre quelli dichiarati dagli aggressori

PadovaOggi è in caricamento