rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Cronaca

Caso Tindaci, la Corte di Cassazione apre uno spiraglio per il ricorso alla Corte Europea

L'avv. Tolomei: «Il capitolo non è quindi ancora chiuso, tutt’altro. La Corte di Cassazione può ancora decidere tutto, le strade sono tutte aperte, compresa quella della Corte Europea»

Gli avvocati Vieri e Francesca Tolomei seguono la famiglia Tindaci da tredici anni in una battaglia legale complicatissima dai tratti quasi kafkiani. Una vicenda drammatica e dolorosa che ha coinvolto tre famiglie della cosiddetta "Padova bene" e che quel 5 aprile 2005 ha cambiato irrimediabilmente la loro vita, con tanto di battaglie legali e processuali.

Anomalie

Le anomalie nelle indagini, con tanto di sparizione di una fotografia che potrebbe cambiare il corso della storia giudiziaria di questa vicenda e la sensazione di una mancanza di imparzialità nei processi ha spinto la famiglia tramite i suoi legali a fare ricorso: «Abbiamo ricevuto il 16 dicembre dalla Corte di Cassazione la comunicazione che è stato valutato opportuno riunire il precedente giudizio introdotto a quello nuovo per la revocazione della sentenza. Dopo ben tre sentenze sfavorevoli e assolutamente criticabili, sono stati proposti due ricorsi per cassazione il primo per questioni di diritto ed il secondo per questioni procedurali . Le questioni sono collegate e di qui l’opportunità della riunione». 

Corte europea

«Noi - spiega l'avvocata Francesca Tolomei - siamo soddisfatti di aver ottenuto la trattazione congiunta, che abbiano trovato degli aspetti comuni tra i due ricorsi, questo evita che si possono verificare decisioni contrastanti. Il capitolo non è quindi ancora chiuso, tutt’altro. La Corte di Cassazione può ancora decidere tutto, le strade sono tutte aperte, compresa quella della Corte Europea».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Tindaci, la Corte di Cassazione apre uno spiraglio per il ricorso alla Corte Europea

PadovaOggi è in caricamento