menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancora vendita al minuto al Centro Cina: due sanzionati per 5mila euro

Due commercianti del China Ingross di corso Stati Uniti a Padova sono stati persantemente multati dopo essere stati sorpresi a vendere alcuni articoli al dettaglio. Ascom: "Bene, alzare ancora l'asticella del rigore"

Prosegue la guerra dell'amministrazione comunale di Padova contro la vendita al dettaglio al China Ingross. Altri due commercianti cinesi sono stati multati con altrettante sanzioni da 5mila euro.

DUE MULTE DA 5MILA EURO. Le due attività sono state sorprese nel bel mezzo della vendita non autorizzata (gli esercizi del Centro Ingrosso Cina potrebbero vendere solo grosse partite di merce ai commercianti, e non singoli articoli come avviene nei negozi). In un primo caso, un cliente sloveno aveva acquistato la cover per un telefono cellulare, nel secondo caso, un italiano aveva comperato diversi articoli di bigiotteria, come bracciali e orecchini. In ambedue le circostanze non era stato emesso alcun documento fiscale. La polizia locale ha quindi fatto scattare le due pesanti sanzioni.

20 ESERCIZI CHIUSI. L'attività di contrasto alle vendite al minuto irregolari operate dai titolari degli esercizi dell'ingrosso cinese di corso Stati Uniti aveva già portato, nei giorni scorsi, alla chiusura di 20 esercizi all'interno del complesso nella zona industriale di Padova.

ASCOM. “Bene così – commenta Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom – questa è l’ennesima conferma che la nostra azione di contrasto, denuncia dell’illegalità, dell’evasione fiscale, della commercializzazione di prodotti pericolosi che ci vede da anni in prima linea ad invocare rigore e pulizia, sta dando i suoi frutti. Adesso però a nostro avviso è giunto il momento di alzare l’asticella del rigore e arrivare alla chiusura definitiva di quegli esercizi commerciali che reiteratamente perseguono nelle loro attività di vendita illegale, nel rispetto del commercio all’ingrosso e di tutti i nostri operatori che rispettano le leggi, ma non possono tollerare ancora questa concorrenza sleale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento