Chiusura Punto Snai: un minore all'interno e videogiochi fuori orario

La polizia ha provveduto alla cessazione temporanea per 60 giorni del servizio nel locale in zona Stanga a Padova per alcune irregolarità al testo unico di pubblica sicurezza. Scattate multa e denuncia penale

Serrande abbassate al Punto Snai di via della Croce Rossa a Padova. Su provvedimento del questore Gianfranco Bernabei, la polizia è intervenuta nella sala scommesse in zona Stanga chiudendo locale per 60 giorni in quanto erano state infrante le normative del Tulps, testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

VIDEOGIOCHI ACCESI OLTRE ORARIO. Tutto nasce nella serata di lunedì, quando una pattuglia della polizia, per un sopralluogo nella zona, è passata davanti al locale intorno alle 23. A quell'ora la sala videogiochi doveva essere chiusa già da un'ora e invece, gli agenti hanno notato che tutto era in funzione e un minore si trovava al suo interno. Infrazione che ha fatto scattare una multa pari a 6.666 euro e 300 euro per l'inosservanza all'ordinanza del sindaco.

CHIUSURA 2014. Non da ultimo, è partita una denuncia penale per la presenza del minore nel locale e perchè la sala giochi, al momento del sopralluogo della polizia, era gestita da tre dipendenti anzichè dal titolare come normato dal testo unico di pubblica sicurezza. Il locale era già stato soggetto a questo provvedimento nel dicembre 2014 ad opera della Guardia di Finanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Bacchiglione restituisce un corpo: è la mamma di Bovolenta scomparsa lunedì

  • Piante "mangia-smog" per pulire l'aria malata: nella Bassa le prime coltivazioni di Paulownia

  • Cadavere lungo l'argine: il tragico gesto forse legato a problemi lavorativi

  • Dalle acque gelide emerge un cadavere: complesse le fasi dell'identificazione

  • Frontale tra due automobili: un'utilitaria finisce nel fossato, automobilista intrappolato

  • "L'alligatore", lunedì 27 iniziano le riprese della serie tv Rai: le vie e le piazze interessate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento