menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinghiali, scatta il piano di controllo triennale: massima collaborazione dal Parco Colli

"Stanno creando un vero e proprio allarme sociale, provocando incidenti stradali. I dati ci parlano di 90 denunce all'anno per impatti sulla rete stradale regionale", ha dichiarato l'assessore regionale all'Agricoltura Giuseppe Pan

“Questo piano di gestione e controllo omogeneo e coordinato in tutto il territorio regionale a fini di eradicazione del cinghiale non poteva più aspettare. Era assolutamente necessario visto l'incremento esponenziale dei cinghiali sia dal punto di vista numerico che dell'estensione territoriale”. È quanto ha affermato l’assessore regionale all’agricoltura e alla caccia presentando venerdì a Padova in piano triennale approvato dalla giunta veneta con le azioni e gli interventi da realizzare in tutto il territorio regionale, compresa la parte inclusa in parchi e aree protette.

RICOLONIZZAZIONE. In regione la ricolonizzazione del cinghiale è avvenuta sostanzialmente nell'ultimo ventennio. Nell’area dei Colli Euganei i primi avvistamenti risalgono all’autunno del 1997 e oggi la presenza di questi animali interessa sia le zone pedemontane, ma anche i centri urbani.

ALLARME SOCIALE. “Molte volte negli ultimi anni – ha detto l’assessore - abbiamo discusso sui danni che gli ungulati hanno causato, in primis all'agricoltura, anche quella di pregio come i nostri vigneti. Oggi però stanno creando un vero e proprio allarme sociale, provocando incidenti stradali. I dati ci parlano di 90 denunce all'anno per impatti sulla rete stradale regionale”.

AZIONE COORDINATA. “I piani finora in vigore – ha aggiunto - si sono dimostrati inefficaci. Questo finalmente mette in atto un'azione coordinata a livello regionale e darà risposte concrete al territorio che da tempo le aspettava. Sottolineo inoltre che l'Ispra ha approvato, per la prima volta senza prescrizioni, il nostro piano”.

PARCO COLLI. Il piano è immediatamente applicabile, ma nel caso di parchi e aree protette l’attuazione operativa è soggetta alla sua ri-approvazione. Giorgio Ziron del Parco Colli Euganei ha annunciato che l'Ente ha deciso di recepire il piano nella sua totalità e ha espresso massima collaborazione con la Regione perché il problema vada risolto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento