rotate-mobile
Cronaca

"Eccessivi cinque anni di Daspo", il Tar annulla pena ad ultrà

Il giudice del tribunale regionale ha accolto il ricorso di un tifoso del Treviso che lo scorso anno durante una partita tra la sua squadra e il San Paolo Padova aveva inveito contro l'arbitro e la tifoseria avversaria. L'ultrà era stato ripreso dalle telecamere della polizia

“Cinque anni di Daspo sono troppi”.

LA DECISIONE DEL TAR. Ad esprimersi così il giudice del Tar del Veneto che ha accolto il ricorso di un ultrà del Treviso, Anil Avdic.
 
IL FATTO. L’ultrà durante la partita del Treviso contro il San Paolo Padova del 13 marzo 2011 aveva preso ad inveire contro l’arbitro, reo di aver fischiato troppo ai danni della sua squadra, appendendosi alla recinzione.

LA CONDANNA. La sua performance era stata ripresa dalle telecamere della polizia e per questo era stato condannato a 5 anni di Daspo. Pur condannando il gesto, i giudici hanno ritenuto che la pena fosse troppo eccessiva. Con questa decisionel’ultrà potrà continuare ad andare allo stadio.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Eccessivi cinque anni di Daspo", il Tar annulla pena ad ultrà

PadovaOggi è in caricamento