Cittadella, assegnazione palestre per attività extrascolastiche

La valenza triennale dell’accordo consente una programmazione delle attività ed una razionalizzazione dei costi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Con deliberazione di giunta lo scorso 6 agosto l’amministrazione comunale di Cittadella ha approvato lo schema di convenzione per l’utilizzo di palestre ed altri spazi scolastici, atto propedeutico che numerose nostre associazioni attendono per richiedere successivamente l’assegnazione degli spazi disponibili per l’effettuazione dell’attività a favore dei soci e della comunità.  

Ogni anno, infatti, l’amministrazione comunale assegna alle varie associazioni sportive e culturali del territorio che non dispongono di spazi per la loro attività, palestre ed ambienti di proprietà comunale. La maggior parte di questi locali si trovano presso le scuole e sono costituiti principalmente da palestre ed altre strutture adibite ad attività istituzionale. L’assegnazione viene fatta per attività in orario extrascolastico.
 
L’utilizzo di ambienti scolastici al di fuori della normale attività da parte di terzi è stato disciplinato dal consiglio scolastico provinciale ancora nel 1978 ed è previsto da un apposito regolamento comunale. Per poter disporre dei locali da assegnare, l’amministrazione comunale deve stipulare una convenzione con gli istituti scolastici, nella fattispecie con l’istituto Comprensivo; la valenza triennale dell’accordo consente una programmazione delle attività ed una razionalizzazione dei costi.
Torna su
PadovaOggi è in caricamento