menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Clonatori di bancomat beccati con gli arnesi del mestiere: 2 denunce

Due cittadini bulgari fermati e perquisiti da una volante della squadra mobile sono stati trovati in possesso di schede a banda magnetica e due apparecchi artigianali per la clonazione di bancomat. Uno dei due aveva precedenti nel campo

E’ stato il malcelato nervosismo alla vista degli agenti di polizia a tradire due cittadini dell’Est, notati da una volante che stava transitando verso le 13.25 di ieri per via Tommaseo. Nervosismo ben giustificato, visto che alla perquisizione, gli sono stati trovati addosso una serie di schede a banda magnetica, di due apparecchi artigianali e di altro materiale tipicamente utilizzato per installare le apparecchiature di clonazione Bancomat.

La coppia, composta da un 38enne e da un 18enne, entrambi cittadini bulgari che risultano residenti in patria ma sono di fatto in Italia senza fissa dimora, è stata immediatamente accompagnata in Questura, dove è stato inoltre accertato che uno dei due aveva già precedenti specifici per clonazione di carte magnetiche.

I due sono stati indagati in stato di libertà per possesso di materiale idoneo alla falsificazione di carte che abilitano al prelievo di denaro contante; mentre il “kit del clonatore” che avevano con sé è stato sottoposto a sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento