Emergenza Coronavirus: chiudono le strade di accesso ai Colli e le ciclo pedonali

Dopo l'inasprimento delle misure chiesto da Zaia si pensa già al prossimo fine settimana. Le vie di accesso ai colli off limits per i ciclisti così come i parchi e le aree verdi

Le giornate si allunga e a pochi giorni dall'arrivo "ufficiale" della primavera il rischio è quello che il bel tempo spinga molti a fare jogging o un giro in bicicletta. La situazione è in continua evoluzione ma l'intenzione di tanti sindaci in provincia è quella di vietare l'accesso agli argini e alle ciclovia.

I Colli

Nel fine settimana le forze dell'ordine saranno vigili in tutta l'area dei Colli. A Teolo sarà interedetto l'accesso alla strada che porta alle Fiorine (quella del Monte della Madonna) dato che come ha spiegato il sindaco Moreno Valdisolo: «Già la scorsa domenica c'era gente che voleva andare a prendere il sole». Chiusi anche i parchi e le aree verdi della zona delle Terme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ciclovie

Oltre agli argini, con la protezione civile e i carabinieri che aumenteranno la sorveglianza, anche le piste ciclabili, se non utilizzate per motivi di necessità (lavoro o visite ai familiari), potrebbero diventare zone off-limits e chi le transita potrebbe essere segnalato. A Carmignano è stata chiusa la ciclopedonale del Brenta a Cadoneghe il sindaco Marco Schiesaro ha già vietato l'ingresso ai parchi e alle ciclovie. Percorrenza vietata a Camposampiero anche alla ciclovia Treviso-Ostiglia e al Cammino di Sant'Antonio al Muson dei Sassi. A Rubano l'idea è quella di chiudere le aree attrezzate e di lasciare aperti le zone verdi più ampie. A Selvazzano monitoraggio degli argini, parchi chiusi e ciclopedonali vietate a chi non deve lavorare. A Saonara il sindaco ha chiesto l'uso del "buon senso", confidando che nessuno si ammassi e che chi vuole farsi due passi li faccia nei pressi della propria abitazione evitando argini o aree attrezzate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento