Condannato il nigeriano che ha aggredito due poliziotti: sarà trasferito a Torino

Il 32enne protagonista del pestaggio ai danni di due agenti dell'ufficio immigrazione sarà portato in Piemonte dove rimarrà fino all'esito del ricorso per il permesso di soggiorno

É stato condannato il nigeriano che giovedì 10 maggio ha aggredito due agenti in servizio all'ufficio immigrazione. Sarà ora trasportato in un centro di permanenza in Piemonte in attesa dell'esito del procedimento in corso.

La vicenda

Erano le 8 di giovedì quando il 32enne si è presentato nell'ufficio di riviera Ruzante pretendendo che gli venisse assegnata una casa. Quando gli operatori gli hanno spiegato che non si trattava di una questione competente all'ufficio immigrazione lo straniero ha dato di matto aggredendoli. Uno dei due poliziotti è finito in ospedale con una prognosi di dieci giorni e si è scatenata una battaglia tra questura e sindacati di polizia.

Il trasferimento

Oggi la condanna a otto mesi per l'aggressore, che in giornata verrà trasferito al Cie di Torino. Rimarrà nella struttura finché non sarà definito l'esito dell'Appello in merito al ricorso che il nigeriano ha presentato per ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il procedimento in corso

Non si tratta di un decreto di espulsone, ma di una misura prevista dalla legge per i richiedenti asilo politico a cui è stata rigettata la domanda e che hanno presentato ricorso, per i quali dunque è in corso un procedimento amministrativo di secondo grado. Il permesso di soggiorno del 32enne è scaduto nell'ottobre scorso e l'uomo ha presentato domanda di rinnovo, che è stata appunto rigettata. A quel punto ha fatto ricorso ed è tutt'ora in attesa della decisione della commissione. Fino ad allora l'uomo rimarrà nel centro di permanenza piemontese perché colpevole di un reato grave e considerato socialmente pericoloso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento