menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato l'educatore pedofilo dell'Estense: 11 anni e sei mesi di reclusione

A due anni dall'avvio del processo per il gestore di due comunità, oltre al carcere, il tribunale ha sentenziato anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici, il divieto di frequentare luoghi con minori e un risarcimento complessivo di 200 mila euro alle tre vittime

Undici anni e sei mesi di reclusione, interdizione perpetua dai pubblici uffici, divieto di frequentare i luoghi dove si trovano minorenni e un risarcimento complessivo alle parti civili di 200 mila euro. Questa in sintesi la sentenza di condanna emessa ieri pomeriggio dal tribunale di Padova, a due anni dall'avvio del processo, nei confronti di un quarantasettenne, nativo di Sant’Urbano, responsabile della casa di accoglienza che aveva sede prima a Schiavonia di Este e poi a Rivadolmo di Baone, incolpato per maltrattamenti e violenza sessuale continuata e aggravata ai danni di tre minorenni che all'epoca dei fatti gli erano stati affidati per scopi educativi.

Piovan gestiva le due comunità nell'Estense sotto il controllo dell'Ulss 17, i cui operatori non si erano però mai resi conto di quanto di sordido accadesse all'interno. L'uomo avvicinava i giovani con baci e abbracci, costringendoli a docce comuni, palpeggiamenti ma anche a rapporti. A chi si rifiutava, l'educatore privava del permesso per rientrare in famiglia, puniva con isolamenti in camera per un mese e lavori da svolgere nella sua azienda agricola o in un autolavaggio. I carabinieri erano riusciti ad introdursi nella casa di accoglienza e a piazzare cimici e micro telecamere, documentando in modo inequivocabile il comportamento dell'uomo.
Alle tre vittime, oggi ormai ventenni, i cui abusi risalgono già all'età di 6 anni, nate nel 1988, 1987 e 1992, sono stati riconosciuti come indennizzo, rispettivamente 30 mila, 100 mila e 70 mila euro. L'indagine cominciò nel 2008, dopo la segnalazione ai carabinieri di Este della sorella di uno dei tre ragazzini, fortemente dimagrito per i lavori “forzati” in campagna e all'autolavaggio.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento