menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Copre l'amico pusher: denunciata con altre otto persone nel pomeriggio dei controlli

Spaccio, nomi falsi e irregolari hanno tenuto impegnati i carabinieri nel pomeriggio di lunedì. Nono sono mancati i controlli stradali, con una persona scoperta al volante dopo aver bevuto

Un pattugliamento durato ben sei ore, concentrato soprattutto all'Arcella in zona San Carlo. I carabinieri della compagnia di Padova, con i colleghi del Cio di Mestre hanno scandagliato le aree a rischio, frequentate da piccoli delinquenti, spacciatori e clienti tossicodipendenti. Otto le denunce a vario titolo nei confronti di un tunisino, quattro nigeriani, un senegalese e due italiani.

Denuncia di coppia

A finire nei guai una giovane coppia formata da un 18enne tunisino irregolare e un'amica napoletana di 19 anni. Il ragazzo è stato sorpreso con una dose di cocaina e 7 pezzi di hashish grezzo. Quando i militari hanno tentato di identificarlo lui ha fornito un nome falso, venendo poco dopo scoperto e denunciato per detenzione ai fini di spaccio e false attestazioni. La giovane, che vive a Padova, ha cercato di nascondere la droga, guadagnandosi una denuncia per favoreggiamento.

Spacciatori e irregolari

Problemi con gli stupefacenti anche per due africani irregolari in Italia. Un 22enne nigeriano deve rispondere di detenzione per i 7 grammi di marijuana che aveva con sé. É invece di spaccio l'accusa mossa a un 32enne del Senegal che non solo bazzicava con della cannabis in tasca, ma è stato sorpreso mentre la vendeva a un 44enne di Limena. L'italiano è stato segnalato in prefettura, allo straniero sono invece stati sequestrati 10 grammi di marijuana. Tre i nigeriani, uno di 21 e due di 28 anni, denunciati per soggiorno illegale nel paese.

Ubriaco alla guida

É andata meglio al pusher che ha abbandonato un sacchetto con 15 grammi di cannabis in via Valeri. Per non essere controllato, ha provato a nascondere la droga per recuperarla in seguito, ma i carabinieri lo hanno preceduto. Nella stessa zona è anche stato fermato un 34enne di Casalserugo che viaggiava a bordo della sua auto. L'alcoltest non gli ha lasciato scampo: il valore rilevato era 1,18 grammi di alcol per litro di sangue, poco più del doppio del consentito ma sufficiente a fargli recapitare una denuncia per guida in stato di ebbrezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento