Controlli Polfer a bordo dei terni in Veneto: quattro arresti in una settimana

Il personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Padova ha arrestato un 29enne per detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente

Quasi 2mila identificati, 4 arrestati, 4 identificati, 224 servizi di vigilanza nelle stazioni, 8 specifici servizi antiborseggio in abiti civili, 28 convogli vigilati da pattuglie a bordo treno, e 2  provvedimenti di Daspo urbano: è questo il bilancio dei risultati ottenuti dal personale del compartimento polizia ferroviaria per il Veneto, nella settimana appena trascorsa, in relazione ai controlli negli scali di competenza.

Arresti

Un arresto è stato effettuato dal personale della sezione polizia ferroviaria di Padova, a bordo di un treno nella tratta Padova-Verona, nei confronti di un 50enne, risultato gravato da una condanna a 2 anni di carcere ancora  da scontare. Nella stazione di Venezia- Mestre, durante un controllo identificativo, gli agenti hanno proceduto all’arresto di una 37enne che è risultata destinataria di un ordine di carcerazione per reati contro il patrimonio e connessi al traffico di stupefacenti, per i quali è stata condannata a 9 anni di reclusione. Gravata da un ordine di carcerazione per il reato di furto anche una 28enne è stata tratta in arresto dagli operatori del posto di polizia ferroviaria di Conegliano Veneto. In particolare, gli Agenti sono intervenuti all’arrivo di un treno partito da Venezia e diretto a Sacile, sul quale la giovane aveva viaggiato priva di biglietto.

Spaccio

Giunta nella stazione di Conegliano, la donna, che  ha cercato di allontanarsi frettolosamente per eludere il controllo, è stata fermata e identificata dagli Agenti che hanno proceduto al suo arresto. La donna è stata trovata in possesso, oltre che di un tronchesino, anche di una decina di confezioni di creme cosmetiche per il viso, tutte ancora completamente integre, delle quali non ha saputo fornire alcuna spiegazione sulla provenienza. Tutta la merce è stata posta sotto sequestro. Infine, il personale della sezione polizia ferroviaria di Padova ha arrestato un 29enne per detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente: alla vista degli operatori, l’uomo ha cercato di allontanarsi frettolosamente dallo scalo, è stato, però, fermato e accompagnato in ufficio per gli accertamenti. Il giovane, gravato da precedenti penali per reati inerenti gli stupefacenti, ha iniziato a palesare segni di nervosismo: invitato a mostrare il contenuto della borsa che portava al seguito, è stato trovato in possesso, oltre che di numerose banconote, anche di un involucro termosaldato, contenente dosi di eroina, destinate allo spaccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento