Controlli e posti di blocco nella zona termale: nel weekend scattano le denunce

I carabinieri della compagnia di Abano Terme dalla metà della settimana scorsa hanno messo in campo una serie di verifiche sul territorio. Il bilancio è di tre persone denunciate

I carabinieri impegnati nei controlli in strada

Furto, ricettazione, porto ingiustificato. Sono le accuse mosse nei confronti di tre uomini deferiti dai carabinieri nella zona delle Terme. I controlli sono partiti martedì scorso e hanno interessato numerosi comuni.

Furto in negozio

A dover rispondere del furto di un giubbotto è il 31enne M.M., nato nella ex Jugoslavia ma che da anni bazzica nel Padovano senza una dimora fissa. L'uomo è ritenuto il responsabile di un furto consumato all'interno del negozio Sportler del centro commerciale Ipercity di Albignasego. Dagli scaffali avrebbe trafugato una giacca maschile del valore di 190 euro.

Bicicletta rubata

Sempre ad Albignasego è stato sorpreso anche O.A., 19enne marocchino che vive nel comune di Padova. Il ragazzo è stato intercettato in sella a una bicicletta che, dopo un controllo nel database, è risultata rubata. Il mezzo era stato sottratto nel luglio 2017 a un 33enne di Brugine e per due anni se ne sono perse le tracce. Il marocchino è accusato di ricettazione e gli inquirenti stanno cercando di capire come sia entrato in possesso della due ruote e se possa essere anche l'autore materiale del furto.

Oggetti pericolosi in auto

Un posto di blocco è invece costato la denuncia a P.G., 26enne di origine vicentina che vive ad Abano. Il ragazzo, fermato a bordo della sua auto, aveva a bordo un coltello di 21 centimetri e una sbarra di ferro. Non avendo saputo fornire una spiegazione convincente sull'utilità dei due oggetti e avendo già dei precedenti penali, è stato denunciato per porto ingiustificato di oggetti atti a offendere.

carabinieri abano spranga coltello-2

Conselve

i controlli della compagnia di Abano avevano destato scalpore martedì scorso, quando i militari nelle ore notturne si sono concentrati sulla zona di Conselve. Era intervenuta anche un'ambulanza, che insieme alle diverse pattuglie aveva scatenato un tam tam sui social network da parte dei cittadini. Si trattava in realtà di una coincidenza: durante i controlli i carabinieri hanno intercettato un uomo completamente ubriaco. Si era accasciato mentre viaggiava in bicicletta e per questo era stato chiesto l'intervento dei paramedici che lo hanno accompagnato al pronto soccorso per smaltire la sbornia senza altre conseguenze. Dopo l'intensificazione nel weekend, le verifiche procederanno anche nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Dal melanoma alla gravidanza: la testimonianza di Teresa, fanatica della tintarella

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Spaventoso incidente al semaforo: tre feriti, due sono bambini. Auto distrutte

Torna su
PadovaOggi è in caricamento