«Grafica Veneta crea e dona i primi 2 milioni di mascherine ai veneti»: lo straordinario gesto

L'annuncio è stato dato in conferenza stampa da Luca Zaia con Fabio Franceschi, proprietario dell'azienda di Trebaseleghe

Luca Zaia e Fabio Franceschi con le mascherine

«Non possiamo cantare vittoria, perché i dati continuano ad aumentare. Sono qui con Fabio Franceschi di Grafica Veneta, qualche giorno fa mi ha chiamato e ha detto che volevo fare qualcosa. Abbiamo lavorato tanto giorno e notte e siamo arrivati a trovare una soluzione unica e ad industrializzare la produzione di mascherine in grande scala. Grazie a lui distribuiremo i primi 2 milioni di mascherine donate ai veneti e che distribuiremo gratuitamente tramite la protezione civile». Questo quanto annunciato da Luca Zaia, Governatore del Veneto, nel consueto punto stampa.

Fabio Franceschi

Spiega Fabio Franceschi di Grafica Veneta, azienda di Trebaseleghe: «Produrre mascherine non è un problema. ma si riesce a produrne solitamente al massimo 15mila al giorno mentre il Veneto ha al momento bisogno di almeno 3 milioni di mascherina. Questa mascherina offre una barriera protettiva molto elevata grazie a un tessuto eccezionale, e possiamo realizzarne dai 500 ai 700 mila pezzi al giorno. Va sostituita due o tre volte al giorno ma vista la capacità produttiva non è un problema».

LE MODALITÀ DI DISTRIBUZIONE DELLE MASCHERINE VERRANNO ANNUNCIATE NELLE PROSSIME ORE.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento