Chiusura immediata di tutti i cimiteri cittadini: l'ordinanza del Comune di Padova

Nella circolare redatta dal Ministero della Salute si legge esplicitamente che “I cimiteri vanno chiusi al pubblico per impedire le occasioni di contagio dovute ad assembramento di visitatori”

Il primo aprile il Ministero della Salute ha emesso una circolare contenente indicazioni emergenziali connesse all’epidemia Covid-19, riguardanti il settore funebre, cimiteriale e di cremazione. La circolare contiene indicazioni che hanno come obiettivo l’individuazione di procedure adeguate per il settore funebre e cimiteriale per tutelare i cittadini, valide per l’intero territorio nazionale, al fine di ridurre le possibilità di trasmissione del contagio. Nella circolare si legge esplicitamente che “I cimiteri vanno chiusi al pubblico per impedire le occasioni di contagio dovute ad assembramento di visitatori”: per questo motivo oggi, venerdì 3 aprile, è stata firmata un’ordinanza del Sindaco - valida fino al 13 aprile - che rende immediata la chiusura di tutti i cimiteri nel territorio cittadino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento

Spiega l'assessora Francesca Benciolini: «Fino ad oggi abbiamo lavorato per tenere aperti i nostri cimiteri, garantendo un costante monitoraggio da parte della polizia locale che non ha mai segnalato il verificarsi di assembramenti o situazioni potenzialmente pericolose per la salute dei cittadini. Con il Sindaco Sergio Giordani abbiamo agito così anche per una questione simbolica: in un momento in cui per molti è impossibile potersi avvicinare ai propri cari ed è impossibile accompagnarli nel loro ultimo viaggio, abbiamo ritenuto importante lasciare i cancelli dei nostri cimiteri aperti, come per poter dire alla città che i nostri cari stanno riposando in un luogo libero e accessibile. Questa circolare ministeriale ci impone la chiusura immediata e non nascondo che per me è un grandissimo dispiacere. Non possiamo comprendere fino in fondo il dolore di chi ha perso una persona cara e per via del comune nemico invisibile che ci troviamo a fronteggiare non può nemmeno viverlo in un momento collettivo di saluto. Un’azione simbolica certo non può alleviare il dolore delle persone, ma serviva a dimostrare comunque vicinanza e profondo rispetto da parte di tutta l’Amministrazione. Dobbiamo chiudere i cancelli al pubblico, ma di certo non smettiamo di prendercene cura. Sono iniziati infatti gli sfalci e la cura del verde all’interno di tutti i cimiteri cittadini. Oggi si sono conclusi i lavori al cimitero Maggiore e, come da programma, prima di Pasqua verranno svolti anche in tutti i cimiteri decentrati. Un lavoro questo che, in questo momento, assume anche un significato di speranza: rendiamo i nostri cimiteri più belli e accoglienti per quando finalmente, potremo andare a far visita ai nostri cari».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • «Dov’è la felicità? È molto lontana, è vicino a Padova», il meme diventa virale

  • Tragedia nella Bassa: bimba di un anno e mezzo muore investita dal nonno

  • Frontale tra una Punto e un furgoncino: 17enne padovana perde la vita

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento