Positiva dopo il viaggio di ritorno dal suo paese di origine: isolamento per dieci connazionali

Succede a Tribano dopo la positività riscontrata su una donna di origini moldave rientrata in Italia: in isolamento anche le dieci connazionali che vivono con lei

Nessun sintomo durante il viaggio di ritorno dal suo paese di origine, e neanche al suo arrivo nel Padovano. Due giorni dopo, però, ecco la febbre. E sia il tampone che il test sierologico ufficializzano la diagnosi: positiva al Coronavirus. Con tutte le conseguenze del caso: protagonista della vicenda una donna moldava residente a Tribano.

I fatti

Tutto ha avuto inizio nella nottata tra domenica 28 e lunedì 29 giugno, e ha portato all'isolamento fiduciario delle dieci connazionali che convivono regolarmente con lei in un appartamento. E non è l'unica misura presa: dato che le suddette signore lavorano tutte come operaie in un'azienda agricola della zona il titolare ha provveduto a sanificare gli ambienti della sede di Conselve. Ora le conviventi verranno a loro volta sottoposte a tampone e test sierologico per accertare l'eventuale positività, e in ogni caso dovranno rimanere chiuse in casa fino al termine della quarantena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento