Positivo al Coronavirus, trova 454 milioni di lire in una vecchia cassapanca durante l'isolamento

Protagonista dell'incredibile storia un 46enne padovano: qualora riuscisse a riscuotere i 234.471,43 euro del cambio valuta ha già deciso di devolvere parte della somma stessa per la ricerca di un vaccino o di una cura per combattere il Covid-19

Vi raccontiamo una storia che ha dell'incredibile. E il cui finale deve ancora essere scritto.

La scoperta

Il protagonista della storia si chiama Claudio, ha 46 anni ed è un impiegato di Padova. Scopre di essere positivo al Coronavirus mentre si trova a Cagliari a casa della madre, deceduta da poche settimane (non di Covid-19), e per cercare di far passare più velocemente il tempo dell'isolamento domiciliare inizia a fare ordine in cantina. Lì trova una vecchia cassapanca, e quando la apre rimane senza parole: al suo interno, infatti, ci sono tantissime banconote. "Piccolo" particolare, da non sottovalutare: sono in lire. Le conta, e il totale è da capogiro: 454 milioni del vecchio conio, tutti in banconote da 50, 100 e 500mila lire. Il principale "indiziato" dell'accumulo di tale fortuna è il nonno materno, che lavorò come banchiere, e nessuno sapeva dell'esistenza di un tale "bottino".

Il tentativo di cambio

Ora giunge il problema principale: cambiare la somma in moneta contante corrente. Il signor Claudio, quindi, si rivolge all'associazione Giustitalia, che a sua volta scrive alla Banca d'Italia rappresentando il fatto che "se è pur vero che era stato inizialmente stabilito un termine decennale (2002-2012) per il cambio delle lire in euro è altrettanto vero - come sostenuto dalla giurisprudenza - che qualsiasi termine di prescrizione o decadenza decorre da quando il soggetto è posto in grado di far valere il proprio diritto, quindi nei casi in esame i dieci anni per il cambio lire/euro decorrono dal giorno del ritrovamento delle somme in lire".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione

In caso di autorizzazione dell'Istituto di credito nazionale verrebbero accreditati 234.471,43 euro al signor Claudio. Il quale, qualora riuscisse a riscuotere il consistente importo, ha già deciso di devolvere parte della somma stessa per la ricerca di un vaccino o di una cura per combattere il Covid-19. Sarebbe davvero un lieto fine...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento