Cronaca

Coronavirus, Zaia: «Le prime sperimentazioni sui pazienti ci fanno ben sperare»

Dopo la presentazione del progetto relativo alle mascherine il Governatore del Veneto ha aggiunto: «Stando al nosto modello il picco del contagio arriverà il 15 aprile, e sarà importante. Poi dovrebbe iniziare a calare e dai primi di maggio a scendere ulteriormente»

«Stiamo testando il farmaco per l'artrite remautoide ed effettuando anche altre sperimentazioni che ci fanno ben sperare». A margine della presentazione delle mascherine create da Grafica Veneta, il Governatore Luca Zaia ha risposto alle domande dei giornalisti.

Luca Zaia

Queste le dichiarazioni del Presidente della Regione Veneto: «Ci chiedono di isolare Merlara? Visto che ci sono numeri importanti in ogni città allora dovremmo isolare tutto il Veneto, ma non è sostenibile. I controlli Spisal? Ormai siamo a un centinaio di controlli al giorno, vi daremo un resoconto credo a fine settimana ma salvo qualche eccezione gli ispettori ci parlano di buone condizioni. Stando al nosto modello il picco del contagio arriverà il 15 aprile, e sarà un picco importante con un'occupazione importante dei reparti di terapia intensiva. Poi sempre stando al nostro modello matematico dovrebbe iniziare a calare e poi dai primi di maggio scendere ulteriormente. Personalmente credo sia impensabile riaprire le scuole il 3 aprile, e ripeto nuovamente che secondo me bisogna rivedere le norme sulle passeggiate e pensare alla chiusura della distribuzione alimentare tra supermercati e negozi»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Zaia: «Le prime sperimentazioni sui pazienti ci fanno ben sperare»

PadovaOggi è in caricamento