Cronaca

Coronavirus, Zaia: «Stiamo lavorando per anticipare le date delle prossime riaperture»

Spiega il Governatore del Veneto nel consueto punto stampa: «Stiamo ragionando col Governo affinché le date che si sono ipotizzate, a partire da quella del 18 maggio, vengano anticipate: penso e spero che si possa trovare una soluzione»

Luca Zaia nel corso del punto stampa odierno

«Siamo arrivati a quota 392.328 tamponi realizzati. Le persone in isolamento sono 6.353, mentre i positivi sono 18.402. I ricoverati sono 1.024, di cui 98 in terapia intensiva. I dimessi sono 2.743, mentre i morti sono 1.207 che salgono a 1.545 considerati anche quelli extra-ospedale. Ieri in Veneto abbiamo registrato 4 milioni 800mila spostamenti e come dato siamo in linea con gli spostamenti del 9 marzo, quindi pre-lockdown. I dati sono in calo dal 10 aprile, dobbiamo tenere la guardia altissima ma è anche vero che ci sono categorie che soffrono. Stiamo lavorando e ragionando col Governo affinché le date che si sono ipotizzate oggi per le prossime riaperture, a partire da quella del 18 maggio, vengano anticipate, e pensiamo possa essere l'occasione per dare le competenze in maniera differenziata e quindi alle Regioni. Sia chiaro: non vogliamo fare gli irresponsabili, ma io penso e spero che si possa trovare una soluzione. Sono purtroppo dell'idea che il sistema del trasporto pubblico locale prima o poi imploderà, peché servirebbe il doppio o il triplo di bus e treni ma non ce ne sono a disposizione»: queste le parole di Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto, nel corso del consueto punto stampa giornaliero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Zaia: «Stiamo lavorando per anticipare le date delle prossime riaperture»

PadovaOggi è in caricamento