Cuscinetti contraffatti, la Finanza presenta il conto: 4milioni di euro

A tanto ammonta il mancato versamento di Iva ed Ires quantificato dalle Fiamme gialle padovane nei confronti di una ditta della zona industriale che imprimeva noti loghi come Skf e Fag a cuscinetti importati dalla Cina

Un volume d'affari milionario, quello accumulato dalla società finita a fine 2011 nel mirino della Guardia di Finanza di Padova che, nell'ambito dell'operazione denominata "Ball bearing" aveva provveduto a mettere i sigilli a due fabbriche, al sequestro di oltre 180mila prodotti tra cuscinetti e altri componenti contraffatti e non rispondenti agli standard di sicurezza, pronti ad essere commercializzati su tutto il territorio nazionale e di 2 macchinari industriali utilizzati per l'impressione di marchi noti come Skf e Fag su cuscinetti vergini importati dalla Cina.

A DICEMBRE: SEQUESTRATI MIGLIAIA DI CUSCINETTI TAROCCATI E DIFETTOSI

IL CONTO DELLA FINANZA. Un business sul quale ora le Fiamme gialle hanno presentato il proprio conto, a seguito di riscontri, controlli incrociati condotti in ambito nazionale e l’analisi della copiosa documentazione prodotta dalla ditta con sede in zona industriale a Padova. Su 7milioni di euro di base imponibile occultata al fisco, la Finanza ha constatato il mancato versamento di Iva ed Ires per 4milioni di euro, provvedendo a denunciare il rappresentante legale della società per frode fiscale.

VIDEO: IL BLITZ DELLA FINANZA NEL CAPANNONE

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ZILIO (ASCOM): "OMICIDIO COLPOSO PER CHI LI VENDE"

BUSINESS ILLECITO E PERICOLOSO. Il titolare, dopo una breve esperienza da agente di commercio per una nota società del settore meccanico, aveva usato tutto il suo know-how per truffare lo Stato e rubare clienti al suo vecchio datore di lavoro. Un business, oltre che illecito, potenziamente molto pericoloso, in quanto i cuscinetti, sottoposti a test, non superavano gli standard di resistenza e qualità degli originali. Denunciati in tutto 5 soggetti per i reati di contraffazione, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Zaia, nuova ordinanza: «Tampone obbligatorio per chi rientra dall'estero in Veneto»

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Live - Sfiorata la tragedia in ospedale. Ancora positivi di ritorno da Corfù

  • Mancato utilizzo della mascherina: chiusi per 5 giorni cinque bar della città

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento