Danni ai simboli del Pride alla Gran Guardia: imbrattati manifesti, trafugata la bandiera

Mattia Galdiolo, Arci Gay: ««Questi sono valori che dovrebbero essere di tutti, invece c'è ancora chi pensa di aver più diritto di altri di stare al mondo». L'ass. Nalin: «Atto offensivo e divisivo»

Questa notte è stata rubata la bandiera arcobaleno del Pride, che da ieri sventolava alla Gran Guardia su iniziativa del Comune di Padova e delle realtà LGBTQIA+.

Valori universali

«A un brutto gesto simbolico risponderemo con un altro gesto simbolico: quindi metteremo altre bandiere con una piccola manifestazione sabato 20 a mezzogiorno  - ci spiega al telefono Mattia Galdiolo responsabile Arci Gay di Padova - siamo tutti rimasti amareggiati perché si sa benissimo chi sono quelli che hanno atteggiamenti ostili verso la comunità LGBTQIA+. Non ci aspettavamo una cosa del genere, hanno anche imbrattato i cartelli quindi è un chiaro gesto deliberato e violento. C'è proprio la volontà di offendere, non è un atto vandalico fine a se stesso». Aggiunge poi Galdiolo: «Questi sono valori che dovrebbero essere di tutti, invece c'è ancora chi pensa di aver più diritto di altri di stare al mondo». 

Simboli

«Sono dispiaciuta e arrabbiata - commenta l’assessora Marta Nalin - perché quella bandiera è il simbolo di una città libera, accogliente e inclusiva. La Padova che lo scorso anno sfilava in massa in occasione del Pride era ieri rappresentata da un gruppo di persone che, insieme, hanno sistemato quella bandiera e il cartellone che ne racconta la storia e il valore, in un luogo simbolico della città. Per tutte e tutti noi, quel simbolo è un bene comune». L'assessora si dice anche bendisposta a soprassedere se chi ha commesso l'atto si decide a resituire la bandiera e a chiedere scusa, pur evidenziando di essere consapevole che è assai remota la possibilità che si verifichi un'azione di questo tipo: «Faccio un appello alla restituzione della bandiera, nella speranza che si sia trattato di un gesto stupido e non di un’azione deliberatamente ostile, comunque priva di coraggio, per cercare di cancellare il nostro messaggio di unione e valorizzazione delle diversità. Questa ipotesi, purtroppo, ci stupirebbe poco perché siamo consapevoli che la questione dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale è ancora un tema fortemente divisivo e su cui spesso vengono esercitate forme di violenza di vario tipo».

Telecamere

«Se la bandiera non venisse restituita - ci va decisa l'assessora - daremo mandato alla Polizia Locale, che è già stata avvisata, di visionare le telecamere della zona per individuare i responsabili del furto. L’intento, ancora una volta, non è punitivo ma vogliamo poter rivedere la bandiera arcobaleno sventolare alla Gran Guardia per questo giugno, mese del Pride».

IMG_2172-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento