Ponte di Brenta, degrado e lucciole all'ex stazione: la denuncia di Anima Critica

"Entrando da via Ceron è tutto un fiorire di fazzolettini e resti vari" questo un estratto della segnalazione lanciata dall'associazione ambientalista relativamente all'area limitrofa allo scambio ferroviario padovano

Le immagini del degrado dell'area ex stazione a Ponte di Brenta

"Dove un tempo c'era il parcheggio è tutto un fiorire di fazzolettini e resti vari", è la denuncia lanciato dall'associazione ambientalista Anima Critica relativamente all'area ex stazione ferroviaria a Ponte di Brenta.

DEGRADO. Una zona segnata dallo squallore, dalla prostituzione, dal degrado ed dall'abbandono. "Ci sono sacchi di sporcizia e rimasugli di decadimento un po' ovunque - segnalano i referenti di Anima Critica - Pensare che quella stazione ferroviaria rappresenta un pezzo importante della storia di Padova, un luogo della memoria a ridosso del Brenta che andrebbe sicuramente conservato come patrimonio culturale, invece si assiste ancora una volta impotenti allo svilimento delle nostre periferie".

APPELLO. A tal proposito, l'appello di Anima Critica: "Scriviamo assieme una poesia di riscossa perchè si adottino politiche idonee adatte alla sicurezza di Ponte di Brenta".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Dramma nella Bassa: si è tolto la vita Stefano Farinazzo, sindaco di Casale di Scodosia

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Ristorante la sera, discoteca abusiva la notte: dopo il blitz stop ai balli

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento