menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sala scommesse in piazzale Stazione

Sala scommesse in piazzale Stazione

Degrado in stazione, lo "sfogo" su Facebook e il blitz di Saia

Sabato sera il titolare della sala scommesse, Marco Schiesaro, candidato con l'assessore alla Sicurezza alle ultime elezioni, ha segnalato la mancanza di sicurezza nel quartiere. L'amministrazione è andata sul posto

A lamentare ancora una volta il degrado in zona stazione a Padova è questa volta Marco Schiesaro, direttore della sala scommesse proprio lì, in piazzale stazione, nonché candidato alle ultime elezioni con la lista di Maurizio Saia. Uno "sfogo", come lui stesso lo definisce nel post pubblicato sabato sera sulla sua pagina Facebook, che si aggiunge a tanti altri, ma che in questo caso proviene da una persona vicina alla nuova amministrazione. 

IL POST. "Ragazzi questa sera la stazione è una casbah - si legge sul social network - vi assicuro come stasera è da tempo che non la vedevo cosi! Spaccio a dismisura, ubriachi, gruppi di nordafricani che litigano lanciandosi le biciclette. Un nigeriano che non si reggeva in piedi dall'alcool ha preso una bici, sicuramente non sua, e se n'è andato. La croce rossa continua nella sua opera di distribuzione di siringhe. Bottiglie, carta ovunque segno d'una inciviltà e mancanza di repressione e d'ordine. Rimango incredulo come le autorità possano tollerare ulteriormente questa situazione. Ordine, pulizia e rispetto sono un ricordo. Almeno per ora".

SAIA. Il post è stato pubblicato alle 22 circa di sabato sera, e ha raccolto sin da subito "mi piace" e una sfilza di commenti. Ma soprattutto ha fatto scattare il vicesindaco Eleonora Mosco e l'assessore alla Sicurezza Maurizio Saia. La prima ha contattato poco dopo l'esercente inferocito, il secondo si è fiondato in stazione a controllare. "La situazione che ho visto alle 23.40 era di quattro magrebini che discutevano neppure animatamente ed un paio che entravano ed uscivano dalla sala scommesse", ha commentato Saia di ritorno dal blitz. È sempre l'assessore a riferire che polizia locale e polizia di stato non hanno ricevuto, quella sera, alcuna segnalazione da parte di residenti o commercianti della zona: "e ciò non va bene", ha commentato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento