Parcheggiatori abusivi, blitz all'ospedale: col Decreto Sicurezza il recidivo rischia il carcere

La polizia locale del Camposampierese è tornata in campo contro la piaga dei questuanti nella zona del Cosma. Due gli stranieri bloccati, uno è stato denunciato

L'intervento degli agenti della Federazione in via Cosma

Dopo la denuncia a inizio mese di un noto pluripregiudicato nigeriano appena uscito di prigione, gli agenti del vicecomandante Meneghini sono tornati a pattugliare i parcheggi attorno all'ospedale di Camposampiero, meta quotidiana per i parcheggiatori abusivi. Il blitz, organizzato nei minimi dettagli, ha infatti permesso di bloccarne due.

Il blitz

Per intervenire, a fronte delle numerose segnalazioni da parte dei cittadini, il comando del Camposampierese ha scelto il mercoledì, giorno di mercato che vede la zona gremita di auto. Grazie alla collaborazione dell'ospedale, un'agente in borghese si è appostata ai piani alti della struttura riprendendo con foto e video per oltre un'ora due abusivi africani. Certi delle loro attività illecite, i colleghi hanno quindi cinturato la zona del parcheggio di via Cosma, bloccando le vie di fuga che i parcheggiatori avevano realizzato tagliando le reti perimetrali. Se il primo si è consegnato immediatamente, il secondo ha cercato di fuggire, venendo bloccato poco lontano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le sanzioni

Entrambi nigeriani e clandestini, sono stati trasferiti in ufficio, identificati e multati di 700 euro come previsto dal Codice della strada, mentre il denaro racimolato durante la mattinata è stato sequestrato. H.C.K. in particolare è risultato recidivo, perché a gennaio era già stato sorpreso a fare il parcheggiatore abusivo. Elemento che, in base al recente Decreto Sicurezza, lo ha portato alla denuncia segnando il primo caso nell'Alta Padovana. Il 30enne rischia ora fino a un anno di arresto e una multa tra 2mila e 7mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento