Barricato nel bagno del pronto soccorso, serve il taser per convincerlo a calmarsi

Un trentenne è stato denunciato nel tardo pomeriggio di lunedì dopo aver danneggiato il pronto soccorso ginecologico. Era il terzo incontro con le forze dell'ordine in poche ore

L'ingresso della clinica ginecologica

Ha scatenato il panico nel pronto soccorso ginecologico dell'Azienda ospedaliera, svuotando un estintore e rompendo una porta, probabilmente sotto effetto della droga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il parapiglia

Ha rimediato una denuncia per resistenza e danneggiamento il 33enne marocchino al centro di un rocambolesco intervento della polizia lunedì pomeriggio. Lo straniero a più riprese si è chiuso nel bagno del reparto al piano terra e quando i sanitari hanno richiesto l'aiuto degli agenti lui per tutta risposta ha cercato di bloccare una porta e ha svuotato il contenuto di un estintore. Solo quando gli è stato mostrato il taser in dotazione ai poliziotti si è lasciato prendere in custodia. L'uomo, irregolare, con tutta probabilità era sotto l'effetto della droga, di cui sono state trovate delle tracce tra i suoi indumenti. Tra la sera di Pasqua e lunedì era già stato oggetto di un altro controllo della polizia sempre all'ospedale civile e di uno dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento