Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

«Sono andato al supermercato»: la falsa dichiarazione vale la denuncia

Un padovano è stato scoperto fuori dal proprio comune di residenza durante l'emergenza Covid e ha prodotto un'autocertificazione falsa rimediando una denuncia e una multa

(foto: archivio)

Non solo si trovava fuori dal comune di residenza, ipotesi non consentita dal Dpcm del 22 marzo se non per motivi di lavoro e salute, ma per giustificarsi ha anche dichiarato il falso finendo denunciato.

Il controllo

Essere scoperti fuori dalla propria residenza senza valido motivo dal 25 marzo non è più un reato penale, ma una violazione amministrativa che viene punita con una sanzione pecuniaria. Restano però casi particolari ancora passibili di denuncia. Un esempio è quello delle false attestazioni, quando la persona controllata dichiara di trovarsi fuori casa per un motivo che al termine degli accertamenti risulta diverso da quello reale. É accaduto lunedì pomeriggio a Legnaro, dove i carabinieri hanno imposto l'alt a un 48enne di Sant'Angelo di Piove di Sacco. L'uomo ha riferito di essere stato in un supermercato lungo la Romea, mettendolo nero su bianco sul modulo di autocertificazione. É però bastato un rapido controllo per appurare come il padovano in quel negozio non avesse messo piede. Nei suoi confronti è dunque scattata la denuncia per false dichiarazioni, unita alla multa per essere uscito dal comune di residenza senza valido motivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Sono andato al supermercato»: la falsa dichiarazione vale la denuncia

PadovaOggi è in caricamento