Scippo con l'abbraccio: continua l'ondata nella Bassa. Nuovi casi, non più solo gli anziani

Altre due persone, stavolta un 47enne e una 70enne, sono rimasti vittime di giovani donne straniere che li hanno derubati con la collaudata tecnica. Tre le denunce

(foto: archivio)

Salgono a cinque in meno di un mese i colpi messi a segno nella Bassa Padovana con la tecnica "dell'abbraccio". I carabinieri hanno elevato tre denunce, una delle quali ha colpito per la terza volta in due settimane una 28enne romena già responsabile di altri tre episodi analoghi.

Quarto episodio per la giovane straniera

L'ennesima macchia è andata a porsi sulla fedina penale di G.L., 28enne di origine romena e in Italia senza fissa dimora. La donna è stata denunciata per tentato furto dai carabinieri di Castelbaldo perché riconosciuta come colei che il 13 giugno in paese aveva cercato di derubare una 70enne. Il modus operandi era sempre lo stesso: la straniera aveva avvicinato la preda chiedendole delle informazioni e per ringraziarla l'aveva stretta in un lungo abbraccio, tentando di strapparle i gioielli. La vittima aveva intuito ciò che stava accadendo ed era riuscita a metterla in fuga sporgendo poi querela in caserma. G.L. nel mese di giugno era già stata denunciata due volte per altri tre episodi identici, commessi a Stanghella, Vescovana e Castelbaldo il 14, 19 e 30 maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima vittima maschile

La 28enne romena non è però la sola ad essere accusata di simili furti nella zona. I carabinieri di Solesino infatti hanno formalizzato una denuncia in concorso nei confronti di D.R., 31enne romena di Legnago (Verona) e della connazionale S.A., 21enne senza fissa dimora. Alle due donne gli inquirenti sono arrivati dopo aver raccolto la testimonianza di un 43enne di Sant'Elena che il 14 giugno era stato avvicinato dalla più anziana che, ancora una volta, aveva usato come pretesto alcune indicazioni stradali. All'improvviso gli aveva strappato dal collo una catenina d'oro ed era scappata salendo sulla Ford Focus grigia dove a pochi metri la aspettava la complice. Anomala la vittima designata: per la prima volta si è trattato di un uomo e di giovane età.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento