Irrefrenabile vizietto di coppia: dopo l'allaccio abusivo al metano, rubano anche l'elettricità

Due quarantenni dell'Alta Padovana hanno ricevuto la seconda denuncia in meno di tre mesi per essersi collegati alla rete elettrica usando l'energia senza doverla pagare

(foto: archivio)

Scoperti una prima volta a fine ottobre, uno uomo e una donna di Camposampiero non hanno desistito dall'abitudine di collegarsi abusivamente alle reti pubbliche per risparmiare sulle bollette.

La manomissione

Il 47enne G.P. e la 45enne F.M. sono accusati di furto aggravato in concorso, provvedimento notificato loro dai carabinieri nella giornata di martedì. L'indagine dei militari era nata dal rilevamento di alcune irregolarità da parte del gestore della linea elettrica che rifornisce le utenze della zona. In particolare un'abitazione di via Padre Girolamo Biasi segnalava dei consumi anomali, non corrispondenti alle bollette incassate dal gestore, di fatto praticamente nulle. Ulteriori accertamenti hanno permesso di scoprirne il motivo: la manomissione dell'impianto domestico. Nella casa della coppia infatti era stato manualmente bypassato il contatore, realizzando un collegamento diretto alla linea generale che dunque permetteva di sfruttare la corrente senza pagarla. Una modifica totalmente illegale, oltre che potenzialmente molto pericolosa.

Il precedente

Una volta identificate le persone che vivevano in quell'abitazione, gli inquirenti hanno scoperto che erano le stesse colpite da un'analoga denuncia a fine ottobre. A quell'epoca la coppia aveva fatto un'operazione analoga in un appartamento di Campodarsego, modificando il contatore del gas metano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Bacchiglione restituisce un corpo: è la mamma di Bovolenta scomparsa lunedì

  • Cadavere lungo l'argine: il tragico gesto forse legato a problemi lavorativi

  • Dalle acque gelide emerge un cadavere: complesse le fasi dell'identificazione

  • Cadavere nel lago d'Iseo: è la giornalista Rosanna Sapori, per anni lavorò nel Padovano

  • Orrore all'Arcella, gioielliere aggredito con l'acido e rapinato all'uscita dal negozio

  • Fiamme in una fabbrica della Bassa, fumo visibile a diversi chilometri di distanza

Torna su
PadovaOggi è in caricamento