Magazzinieri depredano la sede di Gottardo Spa, spariscono 50mila euro in profumi

Due uomini devono rispondere di furto aggravato per aver ripetutamente sottratto della merce dal magazzino della nota azienda. Sono stati scoperti dopo le segnalazioni della ditta

I militari della guardia di finanza nel corso delle indagini

Per almeno due mesi hanno rubato confezioni di profumi e fragranze di noti marchi, sottraendole dai carichi che avrebbero dovuto rifornire le centinaia di punti vendita Tigotà del Veneto. Ammanchi che non sono sfuggiti al colosso dei prodotti per l'igiene e che sono costati una denuncia a due dipendenti.

Le indagini

L'indagine che ha incastrato il 40enne albanese C.A. di Vigonovo e il 34enne moldavo F.B. di Maserà di Padova è nata lo scorso 25 settembre. Quel giorno il responsabile del patrimonio di Gottardo Spa ha contattato per la prima volta il comando provinciale della guardia di finanza, segnalando una serie di sospette sparizioni dal centro logistico di corso Spagna. In più occasioni era stato riscontrato l'ammanco di confezioni di profumi e le Fiamme gialle hanno pertanto monitorato la situazione per l'intero mese di ottobre.

Incastrati

Grazie ad appostamenti e all'installazione di un circuito interno di videosorveglianza i sospetti si sono addensati attorno ai due stranieri, che non sono dipendenti diretti di Gottardo Spa ma personale assunto tramite un'agenzia interinale e impiegato nel magazzino durante i turni di notte. E proprio nottetempo la coppia entrava in azione, trafugando i prodotti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La refurtiva

Nei giorni scorsi a svolta decisiva e la denuncia per furto aggravato nata dopo aver informato delle risultanze investigative la procura di Padova. A quanto emerso, per almeno due mesi i due operai avrebbero rubato profumi di marchi celebri, da Paco Rabanne a Giorgio Armani e Bulgari, per un valore totale che si aggira attorno ai 50mila euro. La refurtiva non è stata al momento recuperata e ulteriori approfondimenti sono in corso per capirne la destinazione finale. L'ammanco causato all'azienda sarà pertanto rimborsato dai due responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mascherine Grafica Veneta, da mercoledì 24 la distribuzione in 41 supermercati di Padova

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • «Chiudiamo i distributori a partire da mercoledì 25»: l'annuncio dei benzinai

  • Covid19, l'aggiornamento serale su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Il professor Basso: «Neppure durante la peste si è chiuso tutto. E morì metà popolazione»

  • «70mila mascherine distribuite gratis in farmacia da martedì 24»: ecco come ritirarle

Torna su
PadovaOggi è in caricamento