menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto: archivio)

(foto: archivio)

Squadra in trasferta, l'allenatore scappa senza pagare l'hotel. Rintracciato in Finlandia

Mentre giocatori e parenti saldavano il conto dell'albergo, l'uomo ha esibito un documento falso. A distanza di un anno la resa dei conti e la denuncia

I fatti risalgono al maggio scorso, quando l'uomo ha trascorso dieci giorni in provincia di Padova per partecipare a un evento sportivo.

Il viaggio in Italia

Fine maggio, a Limena si svolge un torneo di calcio giovanile a cui partecipano diverse squadre. Tra queste si è iscritta anche la Milano Football Association, formazione finlandese con sede a Naantali. A guidarla è R.F., 49enne cittadino italiano, nato in Germania e residente nel paese scandinavo. L'allenatore aveva accuratamente organizzato quel soggiorno in Italia con i ragazzi, i preparatori e diversi genitori per accompagnare i figli minorenni. Arrivano tutti insieme il 20 maggio, hanno prenotato diverse stanze all'Hotel Marco Effe di via Marco Polo a Mestrino.

La fuga senza pagare

Dieci i giorni di pernottamento, che scorrono senza problemi. Il 30, giorno della partenza, gli adulti si radunano in reception e saldano il conto. Ciascuno paga la sua quota: tutti tranne lui, l'allenatore. Mostra al dipendente la copia di un bonifico, assicurando che la struttura lo avrebbe presto incassato. La comitiva riparte, i giorni passano ma i 1.170 euro non arrivano. A quel punto l'hotel si rivolge ai carabinieri. Undici mesi di indagini e all'italo-finlandese viene letteralmente presentato il conto. Lo rintracciano in Finlandia, si scopre che quel bonifico era un falso. Il 49enne è stato denunciato per insolvenza fraudolenta e truffa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento