Faida tra ragazzini: assolda tre bulli che rompono il naso al giovane paciere

Hanno appena 18 e 17 anni i due ragazzi identificati e denunciati dopo il pestaggio ai danni di un 15enne. La vittima doveva risolvere il litigio fra altri due giovani

I carabinieri di Prato della Valle che hanno curato l'indagine

Sono tutti residenti a Selvazzano i giovani protagonisti della vicenda che ha portato all'ospedale un minorenne, costretto a rifugiarsi in casa di una famiglia di sconosciuti per salvarsi dal pestaggio.

Regolamento di conti

Due ragazzi litigano per un piccolo screzio. Un 15enne, amico di uno e conoscente dell'altro, si offre di fare da mediatore per risolvere la questione. Il trio si dà appuntamento in campo neutro, a Prato della Valle, dove però la situazione degenera. É sabato 23 marzo e all'incontro si presentano il giovane paciere e l'amico. Il rivale ha portato con sé tre scagnozzi più grandi per intimorire l'avversario.

Il pestaggio

Il 15enne si fa avanti e gli si parano davanti i tre giovanotti. Pochi istanti e lo colpiscono a ripetizione: spinte, calci, pugni. Il ragazzino si divincola e scappa per le vie del centro. É una maschera di sangue, sta male e bussa a un portone. Fortunatamente trova qualcuno che gli apre, avvisa il 118 e i carabinieri. Nel frattempo i bulli se la sono data a gambe.

Le indagini

Ha il naso rotto e diversi traumi al volto, certifica il pronto soccorso che gli dà una prognosi di due settimane. Dopo le medicazioni confessa agli inquirenti l'accaduto, descrive gli aggressori. Partono le indagini, che hanno permesso di identificare un 18enne di origine moldava e un romeno di un anno più giovane. Manca all'appello il terzo picchiatore che una volta individuato si vedrà recapitare anch'egli una denuncia per lesioni personali. I due ragazzi protagonisti della lite risultano invece, per il momento, estranei al pestaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

  • Coronavirus, la lettera del sindaco Giordani ai padovani

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Governo, decreto straordinario: Vo' "sigillata" per quindici giorni, non si potrà entrare o uscire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento