Licenziato dall'azienda, minaccia di morte il titolare brandendo un'accetta

Attimi di paura sabato scorso in una ditta dell'Alta Padovana dove il titolare è stato minacciato da un ex dipendente tornato in sede per recuperare i suoi oggetti personali

L'accetta sequestrata dai carabinieri

Avrebbe dovuto recuperare i suoi oggetti e lasciare quello che fino a pochi giorni prima era stato il suo posto di lavoro. Dopo il licenziamento ha però perso il controllo, minacciando l'ex titolare.

Le minacce

É la mattina del 3 agosto quando nella sede di una ditta di trasporti e servizio gru di Resana si presenta un 35enne di Camposampiero. L'uomo ne era stato dipendente, fino a quando la ditta lo ha licenziato per giusta causa. Come d'accordo con il titolare, il padovano doveva recuperare i suoi effetti personali in attesa della chiusura delle pratiche. Quando si sono trovati faccia a faccia il 35enne ha però minacciato di morte il datore di lavoro: «Se non mi darai tutto quello che mi spetta ti ammazzerò» gli avrebbe detto.

Le indagini

Una scenata proseguita per diversi minuti, con l'operaio che ha raggiunto la sua auto nel piazzale e, brandendo un'ascia, ha continuato con le minacce prima di allontanarsi. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito, ma la gravità delle parole ha convinto il titolare a segnalare l'accaduto ai carabinieri. Raccolta la testimonianza i militari si sono messi sulle tracce del padovano e hanno ottenuto dall'autorità giudiziaria un mandato per perquisirne l'abitazione. Lì, giovedì mattina, hanno trovato la stessa accetta usata pochi giorni prima. Sequestrata la lama, il 34enne è stato denunciato per minaccia aggravata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento