Ubriaco, pretende di cenare a notte fonda: lo cacciano e accoltella un uomo

Un ventinovenne nordafricano ha aggredito il fratello del titolare di un ristorante che lo aveva invitato ad allontanarsi. Ora è stato denunciato, ma potrebbe finire in carcere

(foto: archivio)

Qualche bicchiere di troppo, l'atteggiamento molesto e l'invito ad andarsene. Un affronto per il 29enne, che per tutta risposta ha accoltellato un uomo reo di averlo cacciato.

L'aggressione

Teatro dell'aggressione è stato il fast food "Istanbul Pizza & Kebab" di via Falloppio, all'incrocio con le vie Altinate e Belzoni. Attorno all'1.30 di mercoledì, con il locale ormai chiuso, all'interno restavano solo il titolare il titolare e suo fratello, impegnati nelle ultime pulizie. Alla porta si è affacciato un 29enne tunisino, evidentemente ubriaco, che ha insistentemente chiesto del cibo. Inutile tentare di spiegargli che a quell'ora era impossibile accontentarlo. Lo hanno invitato ad andarsene e lui ha perso il controllo, insultando e minacciando i due gestori per poi estrarre un coltellino con cui ha colpito il fratello del proprietario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La denuncia

Davanti al parente sanguinante, il titolare ha allertato la polizia che ha inviato una pattuglia alla ricerca del nordafricano scappato in direzione di via Altinate. Lo hanno trovato lungo la strada e trasferito in questura, mentre il ferito veniva accompagnato al pronto soccorso. Fotosegnalato e identificato, si è scoperto che dopo un precedente arresto il tunisino aveva l'obbligo di firma quotidiana alla caserma di Prato della Valle. Visti i suoi precedenti, oltre alla denuncia per minacce e porto abusivo di armi è stato richiesto un aggravamento della misura cautelare, che potrebbe portarlo agli arresti domiciliari se non addirittura in carcere. Il ferito dopo le medicazioni alla mano è stato dimesso con una prognosi di dodici giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi che tornano a salire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento