Fine corsa per il rapinatore seriale: scappava su un'auto senza targa dopo furti e scippi

Ha un nome l'uomo che in pochi giorni sarebbe stato protagonista di almeno due rapine e un furto. Incastrati anche due ragazzini che hanno tentato il colpo al cimitero e in tabaccheria

La pattuglia fuori da uno dei supermercati rapinati

Lo hanno individuato i carabinieri di Selvazzano che hanno stretto il cerchio attorno al presunto autore della sequela di reati.

I sospetti

A vedersi denunciare con le accuse di rapina e furto è un padovano di 42 anni, residente ad Abano Terme. É lui, secondo gli inquirenti, l'uomo che tra il 18 e il 26 aprile ha colpito per tre volte fra Selvazzano, Padova e Rubano. Numerosi gli indizi a suo carico, dai racconti dei testimoni alle immagini delle telecamere. Ma a portare i militari sulla strada giusta è stata soprattutto la sua auto.

Le rapine in negozio

La vecchia Fiat Bravo scura ha attirato l'attenzione di diverse persone che hanno assistito alle rapine. A colpire un dettaglio in particolare: la mancanza delle targhe. Accortezza che non è bastata a R.M. per non farsi riconoscere. L'ha usata per scappare dalle due rapine del 18 aprile, la prima all'In's di via Euganea a Selvazzano e pochi minuti dopo al Despar di Brusegana. Impossibile non notarla per la cassiera del discount che, derubata di circa 300 euro, si è gettata all'inseguimento del bandito.

Il furto alla sala giochi

Dopo altri mille euro rubati al supermercato di via Lagrange, qualche giorno di silenzio. Almeno fino alla notte tra giovedì e venerdì, quando all'alba ha scippato una donna alla sala giochi Admiral di Rubano. La vittima aveva appena ritirato una vincita da 1.500 euro e il 42enne le ha rubato la borsetta lanciandosi in fuga fuori dal locale. Fuga che una dipendente aveva cercato senza successo di bloccare, riuscendo però a fornire agli inquirenti dettagli importanti per il riconoscimento.

Minori e aspiranti ladri

I carabinieri di Selvazzano al termine di un'analoga indagine hanno denunciato per tentato furto anche due minorenni del posto, due giovani italiani di 17 e 16 anni. Sarebbero stati riconosciuti come la coppia che giovedì scorso ha cercato di scassinare il distributore di sigarette della tabaccheria Fantasy prima di provare a rubare le offerte al cimitero di Tencarola. Entrambi i colpi sono sfumati, ma i ragazzi sarebbero stati riconosciuti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento