menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri nel corso dei controlli. A destra, il materiale sequstrato

I carabinieri nel corso dei controlli. A destra, il materiale sequstrato

Documenti rubati e arnesi da scasso: denunce e controlli ai margini del centro

Un servizio ad ampio raggio curato dai carabinieri di Padova ha portato alla denuncia di cinque persone per diversi reati, dalla ricettazione al rifiuto di sottoporsi all'alcoltest

La zona di partenza è stata quella attorno a piazza Salvemini, nota meta di spacciatori e sbandati. Il controllo ha però interessato anche le aree attorno alla stazione, estendendosi fino alla periferia Ovest della città.

I sospetti sui furti

In campo i carabinieri di Padova Principale e del Nucleo radiomobile, che hanno denunciato per ricettazione due donne. Alla richiesta dei documenti hanno dovuto consegnare tre tessere sanitarie con i dati di altre persone, cosa che ha portato a sospettare fossero proventi di alcuni furti in abitazione. I militari hanno dunque denunciato la 32enne M.S. di Padova e la 27enne O.L. di Cartura, entrambe di origine croata, per poter proseguire le indagini in merito ai colpi. Le tessere sequestrate saranno restituite ai legittimi proprietari.

Irregolari

Oltre alla ricettazione viene contestato anche il porto abusivo al 49enne tunisino B.A.S. L'uomo, irregolare, è stato sorpreso con addosso numerosi attrezzi da scasso e un paio di scarpe rubate. Nella stessa zona è poi stato scovato il 24enne marocchino J.F., denunciato perché inottemperante al divieto di ritorno nel Padovano oltre che irregolare. Si è invece conclusa con l'arresto la decisione del 32enne Sokol Hoxha di rientrare in Italia dopo l'espulsione. L'albanese era stato accompagnato alla frontiera il 26 maggio, ma mercoledì è stato scovato a Maserà.

Rifiuta l'alcoltest

Un posto di blocco in via Chiesanuova è infine costato la patente e una denuncia a un 34enne moldavo. L'uomo è stato fermato a bordo della sua Audi A3 e si è rifiutato di sottoporsi all'alcoltest. Una decisione pagata cara, perché in questo caso si incorre nelle sanzioni previste per chi venga scoperto alla guida con un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l. Per lui patente sospesa e denuncia per guida in stato di ebbrezza oltre al sequestro del mezzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Il neo Presidente Masin: «Natura e turismo, così immagino il Parco Colli. Essere cacciatore non è in antitesi con questo ruolo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento