Paga la casa vacanze sulla neve, ma per un ventenne padovano è solo una salata truffa

Un uomo e una donna sono stati denunciati perché ritenuti gli artefici di un raggiro ai danni di un giovane delle Terme, che hanno convinto a versare loro circa 800 euro per un finto affitto

(foto: archivio)

Sperava di trascorrere qualche giorno sulle montagne dell'Alto Adige, invece si è trovato a spendere centinaia di euro finiti nelle tasche di due truffatori.

Il raggiro

La sfortunata vicenda ha colpito un 20enne di Arquà Petrarca che qualche settimana fa si era messo alla ricerca di una casa vacanze nella provincia di Bolzano. Pensava di aver trovato quella perfetta nel paesino di Nova Levante e immediatamente si era messo in contatto con il sedicente affittuario. Dopo una trattativa portata avanti con uno scambio di messaggi, il ragazzo aveva inviato un bonifico di 840 euro per affittare l'appartamento, salvo poi non ricevere più alcuna notizia.

Le indagini

A quel punto, non riuscendo a contattare in alcun modo il venditore e fiutando il tranello, si è rivolto ai carabinieri di Galzignano Terme che hanno avviato un'indagine. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che quella casa di montagna non era mai stata posta in affitto, ma semplicemente sfruttata da due truffatori per raggirare ignari clienti. Nei giorni scorsi i due autori sono stati rintracciati, tanto che martedì mattina il 36enne pakistano A.W. residente a Napoli e la 19enne italiana F.C. di Parete (Caserta), già nota alla Giustizia, sono stati denunciati per truffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Truffa online

La stessa accusa ha colpito anche il 38enne bresciano B.N., rintracciato dai militari di Piombino Dese a cui si era rivolta una 33enne di Loreggia. La donna aveva messo in vendita online due cerchi in lega per auto e lo scorso agosto era stata contattata dal lombardo. Quest'ultimo fingendosi interessato all'acquisto l'aveva abbindolata convincendola a versare 100 euro su una carta prepagata, che aveva poi promesso di restituire senza naturalmente farlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento