La truffa con le istruzioni al telefono: doveva ricevere 200 euro, ma ne spende duemila

Un uomo vicentino è finito vittima di un truffatore attraverso una vendita online. Avrebbe dovuto essere pagato per quattro pneumatici, invece ci ha rimesso dieci volte tanto

É il più classico esempio di truffa "inversa" quella che ha avuto come protagonista suo malgrado un 48enne di Vicenza.

L'annuncio

L'uomo il 20 febbraio scorso ha caricato sul noto sito di compravendite online Subito.it un annuncio per liberarsi di un treno di quattro pneumatici per auto. Poco dopo era stato contattato da una persona che sembrava assolutamente intenzionata a concludere l'affare. Dopo qualche messaggio i due erano giunti all'accordo e avevano pattuito la cifra che il vicentino avrebbe dovuto intascare: 200 euro. Come ottenerli? Il malcapitato ha chiesto consiglio al sedicente compratore che a quel punto ha fatto scattare il meccanismo del raggiro.

L'imbroglio

Approfittando della poca dimestichezza del 48enne con i pagamenti online, lo ha convinto a raggiungere Este e recarsi allo sportello automatico della filiale di banca Unicredit. Una volta lì, dandogli precise istruzioni al telefono, gli ha fatto eseguire una serie di operazioni. Il truffatore aveva assicurato alla vittima che avrebbe subito ricevuto i 200 euro, invece pochi minuti dopo il vicentino si è accorto che dal suo conto corrente erano spariti 2mila euro, finiti con un bonifico su una carta di credito sconosciuta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

Riuscire a contattare l'acquirente per chiedere spiegazioni è stato impossibile e al malcapitato non è rimasto che chiedere aiuto ai carabinieri della cittadina sporgendo querela. Una rapida indagine ha permesso di rintracciare il responsabile: la carta di credito infatti si è scoperto essere intestata al pregiudicato milanese C.M. di 51 anni, lo stesso che si celava dietro il finto compratore e che è stato denunciato per truffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento