Inganna una trentenne con un annuncio online: dopo due anni si cercano i complici

Dopo una lunga indagine i carabinieri hanno individuato uno degli artefici di una truffa telematica commessa nei confronti di una padovana. L'uomo non avrebbe però agito da solo

(foto: archivio)

Hanno pubblicato un annuncio di vendita online facendo cadere in una "truffa inversa" una 31enne dell'Alta Padovana. Il cerchio si è chiuso attorno a un ventenne, ma gli inquirenti cercano gli altri complici.

La truffa

Il lavoro d'indagine che ha portato i carabinieri di Cittadella fino al 23enne di Trento B.F. è cominciato oltre due anni fa, quando una 31enne del paese si era rivolta loro sporgendo querela contro ignoti. Nell'aprile 2017 la donna, navigando sul sito di compravendite Subito.it, era incappata nell'annuncio di vendita di una fotocamera digitale. Contattato il sedicente venditore, si era accordata con lui inviandogli 130 euro. L'attesa della spedizione si era però protratta troppo a lungo e tentare di contattare il venditore era stato inutile.

I provvedimenti

Capendo di essere stata imbrogliata la vittima ha chiesto aiuto ai militari, che con i pochi indizi a loro disposizione sono infine risaliti al trentino. Le indagini hanno però dimostrato che il ragazzo, poco più che ventenne all'epoca dei fatti, non aveva agito da solo. La denuncia per truffa recapitatagli martedì permetterà ora di eseguire ulteriori accertamenti per identificare anche le altre persone coinvolte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente, esce di strada e si schianta nel fosso: muore un 56enne

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Schianto in moto: ricoverato in gravi condizioni Fausto Dorio, sindaco di Villafranca

  • Scoperti due boss dello spaccio nella Bassa: i clienti per proteggerli finiscono denunciati

  • Donna falciata in strada davanti al Cnr: centrata da un’auto è gravissima

  • Rapina al bar: titolare legato e minacciato dai banditi armati dopo la chiusura

Torna su
PadovaOggi è in caricamento