Il profumo attira, ma la truffa brucia: dopo l'acquisto resta vittima dell'imbroglio online

Una donna dell'Alta Padovana è stata raggirata da un falso venditore che, proponendo delle fragranze in sconto, è riuscito a spillarle una somma senza mai consegnare la merce

(foto: archivio)

É accusato di truffa un napoletano identificato e denunciato dai carabinieri perché ritenuto l'autore di un raggiro ai danni di una padovana.

Prezzi allettanti e merce fantasma

É la stessa donna, una 42enne di Loreggia, ad aver fatto partire le indagini. In caserma ha raccontato di aver tentato di acquistare alcune confezioni di profumo adocchiate su una pagina Facebook lo scorso ottobre. Sul noto social network è incappata in un annuncio postato da un 35enne che offriva fragranze di noti marchi a prezzi stracciati. Incuriosita la donna lo ha contatto, accettando di versare sul suo conto cento euro in attesa dell'arrivo della merce. Merce che però non è mai arrivata a destinazione mentre il sedicente venditore, incassato il denaro, ha tagliato ogni contatto con la vittima.

Le indagini

Resasi conto dell'imbroglio la 42enne si è rivolta ai carabinieri di Piombino Dese che, con i pochi dati a disposizione, si sono messi sulle tracce del truffatore. Grazie alle coordinate bancarie all'account Facebook sono risaliti al 35enne A.V. residente a Melito. Rintracciato e denunciato, deve rispondere di truffa mentre gli accertamenti proseguono per capire se altre persone siano rimaste vittima del falso annuncio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento