rotate-mobile
Cronaca Fiera / Via Niccolò Tommaseo, 55

Denunciò aggressione in piazza Duomo: indagato per calunnia l'avvocato Barillari, candidato sindaco

E’ accusato di calunnia l’avvocato Stefano Barillari in seguito ai fatti del 3 settembre

E’ accusato dal PM di calunnia e quindi la violazione dell’art. 615 c.p. l’avvocato Stefano Barillari in seguito ai fatti del 3 settembre, quando il giuslavorista aveva denunciato una aggressione in Piazza Duomo. L’avvocato, che ha già anticipato la sua candidatura nella corsa a sindaco di Padova, da parte offesa è finito per essere l’accusato. La Procura, attraverso il pubblico ministero Benedetto Roberti, ha già chiuso le indagini e ora il legale rischia il rinvio a giudizio.

Versioni

L'avvocato Stefano Barillari, 50enne con studio in corso Garibaldi, aveva infatti dichiarato di essere stato aggredito da un ragazzo facente parte di un gruppo più numeroso, a cui poi se ne sarebbero aggiunti altri, alle ore 1 e 15 del 4 settembre, in piazza Duomo. «Erano una ventina circa», ci aveva raccontato l'avvocato. La polizia dopo aver  visionato le immagini delle telecamere aveva invece sostenuto che i fatti fossero andati diversamente, come aveva dichiarato l’allora Questore, Isabella Fusiello. Di qui la segnalazione in Procura e le successive indagini. 

Candidatura

Barillari si è detto molto sorpreso di questa iniziativa innescata dalla Questura e finita fino in Procura. «Non ci sono parole per commentare quanto sta accadendo. Le accuse mosse sono prive di fondamento», fa sapere il legale che poi conferma la volontà di correre per la carica di sindaco. «Ribadisco a maggior ragione la mia ferrea volontà di partecipare alla corsa per ricoprire la carica di primo cittadino».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denunciò aggressione in piazza Duomo: indagato per calunnia l'avvocato Barillari, candidato sindaco

PadovaOggi è in caricamento