rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

Alla presentazione del libro del papa il detenuto convertito al cristianesimo a Padova

La testimonianza di Zhan Agostino Jianquing, recluso nel carcere Due Palazzi. La storia della sua vita prima della prigione e della scelta di fede, e la dedica del Pontefice

Detenuto cinese si converte al cristianesimo in prigione a Padova. Zhan Agostino Jianquing, nato da una famiglia di fede buddhista, ha partecipato alla presentazione del libro del Papa "Il nome di Dio è misericordia", vicino al Vaticano, alla presenza del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e Roberto Benigni.

LA STORIA. "Sono di famiglia di traduzione buddhista - ha raccontato - nel 1997 a 12 anni sono arrivato in Italia con il mio papà. La maggior parte di questi anni l'ho passata in carcere. Studiavo, a scuola mi annoiavo, scappavo, diventavo sempre più cattivo, litigavo con miei genitori che non mi davano soldi per divertirmi, assumendo un carattere violento e superficiale, preso da sballo, soldi e ragazze". Zhan Agostino Jianquing ha ricevuto una condanna a 20 anni in carcere. Ora, in prigione a Padova, si è convertito al cristianesimo, grazie soprattutto alla madre.

LA DEDICA DEL PAPA. "Ieri, quando Agostino ha incontrato il papa, gli ha dato una foto sua con i suoi amici e fratelli nel carcere, le firme, le dediche al pontefice, e il Papa ha fatto una bellissima dedica di risposta dicendo che è vicino a loro, prega per loro e chiede a loro di pregare per lui", ha dichiarato il portavoce vaticano padre Federico Lombardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla presentazione del libro del papa il detenuto convertito al cristianesimo a Padova

PadovaOggi è in caricamento