menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Richiedente asilo e pusher, incastrato dalla cocaina pronta da spacciare

Impossibile negare l'evidenza: un 19enne africano è stato scoperto dai carabinieri con alcune dosi di droga già confezionate ed è finito in manette prima del processo

In attesa del permesso di soggiorno definitivo, un giovane africano ha trovato un'altra redditizia attività da svolgere, che però gli è valsa un arresto in flagranza.

Il controllo

Il 19enne nato in Nigeria e arrivato in Italia come richiedente asilo da qualche mese è stato sorpreso domenica sera mentre bazzicava nella zona della Stanga. A scorgerlo mentre si aggirava in modo sospetto in una delle zone più colpite dallo spaccio in città sono stati i carabinieri del Nucleo radiomobile di pattuglia in via Venezia. Quando lo hanno fermato il ragazzo ha dovuto svuotare le tasche, consegnando ai militari otto piccoli involucri di cellophane pieni di cocaina.

Le accuse

Dosi pronte per essere vendute, 5 grammi in totale, che dimostrano quale fosse la sua fonte di guadagno. Aveva infatti tutte le caratteristiche del piccolo pusher di strada, che non gira mai con quantità ingenti di stupefacente per non incorrere in sanzioni pesanti una volta scoperto. Essere stato colto sul fatto gli è però costato un arresto per detenzione ai fini di spaccio, che gli ha fatto trascorrere una notte nelle camere di sicurezza prima di comparire davanti al giudice, lunedì mattina, per il rito direttissimo di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento