menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'iniziativa per riscoprire i rapporti interpersonali diretti, non mediati dalle tecnologie

L'iniziativa per riscoprire i rapporti interpersonali diretti, non mediati dalle tecnologie

Quaresima, la Diocesi padovana lancia il “giorno di digiuno dal virtuale”

Spegnere tv, cellulari, tablet, pc e quant'altro rappresenta la comunicazione tecnologica "fredda" in favore della riscoperta delle relazioni interpersonali. È la proposta della commissione "Nuovi stili di vita" della pastorale sociale

“Una piccola rinuncia per un guadagno umano”, questo in sintesi l'obiettivo del “Giorno di digiuno dal virtuale” promosso dalla commissione “Nuovi stili di vita” della pastorale sociale e del lavoro di Padova.

L'INIZIATIVA. In periodo di Quaresima, dunque, non solo digiuno del “corpo”. L'invito della Diocesi padovana è ora anche quello di spegnere tv, cellulari, tablet, pc e quant'altro rappresenta la comunicazione tecnologica “fredda” in favore della riscoperta delle relazioni interpersonali. Concretamente viene proposto di digiunare per un giorno durante la Quaresima (o anche un giorno la settimana) dalla televisione per recuperare i rapporti familiari, dagli sms per recuperare la voglia di incontrarsi personalmente, dai social network per recuperare il rapporto con l’ambiente e i suoi abitanti.


LE INDAGINI. “Nessun anatema contro le nuove tecnologie – spiegano i promotori - La proposta scaturisce dalle numerose indagini che registrano, soprattutto per le giovani generazioni, un uso sempre più consistente delle nuove modalità comunicative virtuali con il rischio che aumenti la solitudine e la povertà relazionale, ma anche con possibili conseguenze sul piano fisico e psicologico in caso di eccessivo utilizzo di questi mezzi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento