rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Pensionato invaghito della giovane commessa: le avances diventano stalking

Un sessantenne italiano dell'hinterland di Padova è stato colpito da un divieto di avvicinamento alla donna che negli ultimi mesi è diventata bersaglio delle sue molestie

Ha perso la testa per una donna più giovane, arrivando però a molestarla tanto da spingere la vittima a chiedere aiuto ai carabinieri. Ora lo stalker non potrà più presentarsi nei luoghi frequentati da lei.

Lo stalking

Protagonista suo malgrado della storia di persecuzioni e molestie è una 40enne che vive nella cintura urbana di Padova. Commessa di professione, proprio sul posto di lavoro è stata notata dall'uomo che in breve tempo si è trasformato in un'autentica persecuzione. Sessantatreenne di origine leccese ma residente nel capoluogo, si è invaghito di lei e ha cominciato a presentarsi pressoché quotidianamente al negozio della sua preda designata. Nonostante la differenza d'età di oltre vent'anni le sue avances si sono fatte sempre più insistenti a partire dallo scorso autunno. Una presenza ingombrante e inquietante che ha spinto la donna a sporgere querela alla caserma dei carabinieri.

Il provvedimento

A seguire la vicenda e avviare le indagini sono stati i militari di Sarmeola di Rubano, che nei confronti del 63enne (le cui generalità non vengono divulgate per tutelare la privacy della vittima ndr) hanno raccolto prove schiaccianti. Pur non avendo usato violenza fisica sulla vittima, il pensionato è stato protagonista di una lunga serie di atti persecutori che hanno spinto l'autorità giudiziaria a emettere nei suoi confronti un divieto di avvicinamento. I carabinieri glielo hanno notificato lunedì e da quel momento il pugliese non può più avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla padovana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensionato invaghito della giovane commessa: le avances diventano stalking

PadovaOggi è in caricamento