rotate-mobile
Cronaca

Maurantonio, "fu un incidente": chiesta archiviazione inchiesta per omicidio colposo

La decisione è stata presa sulla base di una maxi-consulenza, secondo la quale la morte di Domenico sarebbe stata un incidente e quella notte, nel corridoio con il giovane, non ci sarebbe stato nessun altro

Era il 10 maggio del 2015, quando Domenico Maurantonio, studente 19enne del liceo Nievo di Padova, morì in circostanze misteriose, precipitando dal quinto piano dell'hotel Da Vinci di Milano, dove si trovava, assieme ai compagni, in gita scolastica per visitare l'Expo. Ora, la procura di Milano ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta sulla morte del ragazzo padovano.  

UNA MORTE ANCORA SENZA UN PERCHÈ: Tutti gli articoli

ARCHIVIAZIONE. La decisione è stata presa sulla base di una maxi-consulenza, secondo la quale la morte di Domenico sarebbe stata un incidente e quella notte, nel corridoio con il giovane, non ci sarebbe stato nessun altro. Non sono le stesse conclusioni cui erano giunti i periti nominati dalla famiglia del ragazzo, secondo i quali, assieme al 19enne, ci sarebbe stata almeno un'altra persona. Due esiti contraddittori che avevano spinto i pubblici ministeri a richiedere un'ulteriore perizia. Tale richiesta non è stata accolta: per questo, la Procura ha ora chiesto l'archiviazione del procedimento per omicidio colposo (sempre rimasto contro ignoti). Una decisione che troverà senz'altro l'opposizione dell'avvocato dei genitori di Domenico, Eraldo Stefani. Sarà quindi il gip a decidere se disporre l'archiviazione o tornare ad indagare sul caso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maurantonio, "fu un incidente": chiesta archiviazione inchiesta per omicidio colposo

PadovaOggi è in caricamento