menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'hotel di Milano in cui è avvenuta la tragedia e, nel riquadro, Domenico

L'hotel di Milano in cui è avvenuta la tragedia e, nel riquadro, Domenico

Domenico, prove simulano caduta Esami: "Molto alcol, no lassativi"

Dalle verifiche cinetiche disposte dalla Procura sembra che lo studente padovano sia precipitato "a piombo", radente al muro dell'albergo. Gli esiti dei test confermano l'ingerimento di alcolici ma non di purganti

Sarebbe precipitato "a piombo", radente al muro dell'albergo. È quanto emerge, stando ai primi risultati, dalle prove cinetiche disposte dalla procura di Milano che indaga sulla morte, ancora avvolta nel mistero, dello studente 19enne padovano Domenico Maurantonio, caduto il 10 maggio scorso dal quinto piano di un hotel mentre era in gita con la scuola per visitare l'Expo.

UNA MORTE ANCORA SENZA UN PERCHÈ: Tutti gli articoli

NO LASSATIVI, MOLTO ALCOL. Inoltre, l'esito degli accertamenti farmacologici condotti da Luca Sironi, il tossicologo nominato come consulente dal pm Claudio Gittardi assieme a Giulio Giovannetti (medico-legale) e Marzio Capra, avrebbero infine escluso la presenza dei principi attivi alla base dei più comuni lassativi in commercio. Confermata invece la presenza di una massiccia quantità di alcol nello stomaco del giovane che, una volta entrato in circolo, avrebbe potuto far salire il livello alcolemico fino a oltre 3 grammi per litro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento