menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato dai carabinieri

Il materiale sequestrato dai carabinieri

Spacciava ai compagni di liceo, tra i "clienti" anche un minorenne: pm chiede processo

Sarebbero almeno dieci i giovani che avrebbero acquistato dello stupefacente dal 19enne di Monselice arrestato i primi di giugno dai carabinieri. In casa aveva marijuana, vasi con piantine di cannabis, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento

Spacciava ai compagni di liceo, nei bagni e nei corridoi dell'istituto che frequentava a Monselice. I primi di giugno, i carabinieri l'avevano arrestato per spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Ora, come riportano i quotidiani locali, per il giovane moselicense, B.E., incensurato, le cose si aggravano: il pubblico ministero Benedetto Roberti chiede il rinvio a giudizio. I "clienti" sarebbero almeno dieci e tra questi ci sarebbe anche un 15enne.

ARRESTO. I carabinieri della stazione di Boara Pisani lo avevano sorpreso nel giugno scorso mentre cedeva ad un 19enne di Arquà Petrarca 2 involucri di marijuana del peso complessivo di 2 grammi. La perquisizione domiciliare aveva portato al rinvenimento di 98,72 grammi di marijuana, vasi con piantine di cannabis, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. Erano stati anche sequestrati circa 300 euro, probabile provento di spaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
PadovaOggi è in caricamento