menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E-mail truffa sui rimborsi fiscali, Di Stasio rilancia: "Personaggi senza scrupoli"

A lanciare l'allarme è stata la stessa Agenzia delle Entrate con un comunicato ufficiale col quale avverte che sono in atto "Nuovi tentativi di phishing ai danni di alcuni cittadini che hanno ricevuto, via e-mail, false notifiche di rimborsi fiscali in nome dell’Agenzia delle Entrate"

A lanciare l'allarme è stata la stessa Agenzia delle Entrate con un comunicato ufficiale col quale avverte che sono in atto "Nuovi tentativi di phishing ai danni di alcuni cittadini che hanno ricevuto, via e-mail, false notifiche di rimborsi fiscali in nome dell’Agenzia delle Entrate". 

"Caso di truffa"

"E' l'ennesimo caso di truffa ai danni degli onesti cittadini - dichiara il direttore di Artigianfidi Padova, Fabio Di Stasio, che rilancia il warningdell'Agenzia per evitare che qualcuno cada nel tranello che potrebbe costare molto caro - ad opera di personaggi senza scrupoli ma dai tratti informatici molto efficaci". In effetti il messaggio di posta elettronica, che contiene il logo dell’Agenzia (e già questo la dice lunga sulla spregiudicatezza degli autori della truffa) cita un presunto tentativo di rimborso non andato a buon fine ed invita i malcapitati ad accedere al proprio portale per elaborare manualmente la procedura. 

I consigli

"A tale scopo - scrive l'ufficio stampa dell'Agenzia delle Entrate - viene chiesto di aggiornare le informazioni del proprio account accedendo a un link contenuto nel testo della e-mail.Il messaggio proviene apparentemente da un indirizzo di posta dell’Agenzia (ad esempio noreplys221@agenziaentrate.gov.it o noreplys22@agenziaentrate.gov.it), ma è in realtà inviato da un mittente diverso, non riconducibile all’Agenzia delle Entrate". "L'obiettivo di chi usa la rete per alimentare i propri loschi affari - continua Di Stasio - è quello di entrare in possesso di informazioni riservate che potrebbero danneggiare il pc o introdursi nella memoria". Ovviamente l’Agenzia delle Entrate è totalmente estranea all’invio di queste comunicazioni ed invita caldamente a non dare seguito al contenuto delle stesse e a cancellare immediatamente le false e-mail. "Va ricordato - conclude Di Stasio - che l’Agenzia delle Entrate non invia comunicazioni via e-mail relative ai rimborsi che, peraltro, sono minimali rispetto all'universo delle comunicazioni dell'Agenzia. In ogni caso, nel dubbio, non è male rivolgersi al proprio consulente fiscale o alle associazioni di categoria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento