menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Edilizia scolastica: per Legambiente Padova è solo al 65° posto

Secondo la ricerca annuale dell'associazione sulla qualità delle strutture e dei servizi della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado, il capoluogo del Veneto si piazza a sole a venti posizioni dall'ultima città in classifica (Messina)

Edilizia scolastica tanto è stato fatto ma tanto c’è ancora da fare.

LO STUDIO "ECOSISTEMA SCUOLA". Secondo uno studio di Legambiente dal titolo “Ecosistema scuola”, infatti, molti sono stati gli interventi effettuati per ammodernare le strutture scolastiche infantili, primarie e secondarie (nel Nord ben il 65% di manutenzioni straordinarie negli ultimi 5 anni) ma a causa anche della crisi economica mantenere certi standard è difficile.

CRITERI DI RICERCA. Tanti i criteri della ricerca: dalla sicurezza degli edifici, alla disponibilità di acqua potabile, dalle mense fino al monitoraggio dell’amianto, dalle fonti d’illuminazione a basso consumo alle energie rinnovabili.

PADOVA. Nello studio Padova si è piazzata al 65° posto (su 85 capoluoghi) nel risultato finale dell’intreccio dei dati relativi a: informazioni generali sugli edifici, certificazioni, manutenzione, servizi messi a disposizione delle istituzioni scolastiche, avvio di pratiche ecocompatibili, esposizione a fonti di inquinamento ambientale. Un po’ pochino, ma meglio della cugina Vicenza al 69° posto.

PIU' INVESTIMENTI MA RISCHI ALTI. Entrando nel dettaglio, si piazza al 50° posto (su 82) della graduatoria delle “buone pratiche”, di quelle città, cioè, che hanno investito di più in servizi e pratiche ecocompatibili, mentre è al 45° (su 86) nella classifica delle città con strutture a rischio (vicine ad antenne cellulari per esempio): a metà, ma potrebbe andare meglio.


VENETO. Infine una fotografia del Veneto: il 95% degli edifici è dotato di giardino e nel 97% dei casi le scuole sono state costruite in strutture apposite e non “recuperate”. Buona rispetto alla media nazionale la percentuale di servizi come il pedibus (9,5%), mentre il servizio scuolabus (23,5%) non è ancora pienamente sufficiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento